Juncker: “riforme per un futuro in Ue”

Commentando la strategia “Una prospettiva di allargamento credibile e un maggior impegno dell’UE per i Balcani Occidentali”,il Presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, tra l’altro ha detto che “…investire nella stabilità e nella prosperità dei Balcani Occidentali significa investire nella sicurezza e nel futuro della nostra Unione”, aggiungendo che “sebbene non siano previsti ulteriori allargamenti nel corso di questo mandato, oggi la Commissione europea ha disegnato il futuro percorso europeo per i Balcani Occidentali. Con una forte volontà politica, riforme concrete e costanti e soluzioni definitive alle controversie con i Paesi limitrofi, i Balcani Occidentali possono procedere lungo i rispettivi percorsi europei”.

Sono tre i termini posti dall’UE per l’adesione dei sei Paesi dei Balcani occidentali: Serbia, Montenegro, Albania, Macedonia, Kosovo e Bosnia-Erzegovina,in questa unione: riforme, pace e stabilità, però non prima del 2025.

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter