“Made together”, la comunità del cambiamento; La grande storia dell’amicizia, collaborazione e sviluppo

Si è svolto l’evento “Made Together”, organizzato dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo a Tirana. L’evento ha aperto le celebrazioni in Albania per la Festa Nazionale della Repubblica Italiana.

Questa attività ha riportato all’attenzione di tutti la grande storia dell’amicizia, collaborazione e sviluppo tra i nostri due paesi. Italia e Albania non si uniscono solo dal mare ma anche da una storia mezzo secolare, dove gli albanesi immigrati in terra italiana hanno saputo integrarsi e anche conservare tradizione e valori culturali.

L’ambasciatore italiano a Tirana, Alberto Cutillo ha dichiarato durante questo evento che Italia e Albania continuano a collaborare tra loro ancora di più, specialmente nell’ambito dell’integrazione albanese in europa.

L’evento “Made together”, riporta in modo efficace la storia di questi due popoli, come una storia che va oltre le istituzioni, i finanziamenti oppure i progetti.

“La nostra storia è quella di due popoli che vengono unita dal mare e che fanno grande cose insieme nella collaborazione che esiste tra Italia e Albania”- ha detto Cutillo.

Durante questa settimana festeggeremo la festa dell’Italia, unendo vari componenti di cooperazione, spettacolo, cultura e arte. “Seguiremmo il concerto di Ermal Meta, l’emblema di questa iniziativa. La storia di un albanese che è giunto in Italia in piccola età, raggiungendo un grande successo con la canzone. Questo significa “Made Together”- ha aggiunto l’ambasciatore Cutillo.

Mentre “Made with Itali”, sarà una caratteristica di alcuni prodotti albanesi raggiunti tramite la collaborazione Albania-Italia, un’importante passo questo dei reciproci rapporti tra i nostri popoli.

Secondo l’ambasciatore italiano, un’importante aspetto per noi sono le comunità.
“Storicamente abbiamo avuto comunità di albanesi immigrate in Italia più di 500 anni fa, che hanno saputo conservare la loro identità, la loro tradizione e cultura. Anche negli ultimi anni sono immigrati più di mezzo milione di cittadini albanesi, i quali nonostante le prime difficoltà, hanno saputo diventare importante parte dell’Italia, dove oggi circa 250 mila tra loro portano doppia cittadinanza. È appunto questo il “Made together”- ha aggiunto Cutillo.

Grazie a questi programmi della Cooperazione italiana, si cerca di sviluppare ancora di più le grandi potenzialità tra Italia e Albania.