Addio a Roland Roshi

Roland Roshi era seduto dietro la sua scrivania a preparare l’edizione informativa che doveva andare in onda, ma la notizia dell’ultimo momento l’ha fatta lui passando a miglior vita. Non ha potuto vincere la battaglia tra vita e morte ma ha vinto la battaglia della memoria, rimanendo impresso nel cuore e nella mente di tutti.

Roland Roshi, è uno dei più noti registi della radiotelevisione albanese RTSh. La prematura scomparsa ha lasciato un grande vuoto non solo tra i familiari  ma anche  tra i colleghi che sono tuttora increduli dell’accaduto.  Durante gli anni ’80 e in seguito ha fatto il conduttore del telegiornale. Una nota voce per il pubblico ma non solo, anche regista, docente e attore.

Nato a Permet, Roland Roshi seguì l’Accademia di Belle Arti a Tirana. Iniziò a lavorare al teatro Bylis di Fier spiccando con il ruolo di Avni Rustemi nel dramma “Dy krisma ne Paris” (Due spari a Parigi).

Nonostante le sue dotti da attore lui si legò strettamente con il lavoro da regista, dando un grande contributo in questa direzione al teatro di Fier con gli attori di commedia.

Importante passo fu il suo passaggio alla radiotelevisione albanese, coinvolto sia alla radio Tirana anche in televisione come regista e conduttore del TG e anche come  regista di spettacoli televisivi. Ha prestato la sua voce a tanti documentari.

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter