Albania, strategiche decisioni per i futuri negoziati

“È arrivato il momento che l’Albania adotti delle strategiche decisioni che avranno la loro influenza nei futuri negoziati. Lo so che avete adottato tali decisioni, ma serve fare ancora di più”- ha dichiarato il Direttore generale alla Commissione europea, Christian Danielsson, partecipando ai lavori del convegno “Impatto dei negoziati di ammissione al lavoro delle autorità e dei rispettivi ministeri in un Paese in via di negoziati-lezioni tratti dalla Reppubblica di Croazia”. Il Convengo ha avuto luogo al Ministero per l’Europa e gli Affari Esteri nell’ambito dei preparativi dei negoziati di ammissione con l’Ue.

Danielsson ha dichiarato che “è molto importante che l’Albania, nella fase pre-preparatoria tenga presente non solo i risultati dei dibattiti alla Commissione, ma anche l’esperienza di altri paesi che hanno già superato questo processo per essere più preparati per la successiva fase”.

Più avanti lui si è espresso che “si attende che ci sia progresso negli aspetti fondamentali quali sono l’attuazione della riforma nella giustizia, il processo di vetting, ecc”.

“Importante è il quadro istituzionale del sistema giudiziario come si prevede al pacchetto costituzionale, pure i principali risultati nella rintracciabilità dei dati per combattere la corruzione e il crimine organizzato in tutti i livelli”- ha sottolineato Danielsson, aggiungendo che “l’inclusione nei negoziati con l’Ue è un terreno sconosciuto per ciascuna amministrazione; così com’è successo con la Croazia”. Lui si è espresso fiducioso che l’Albania dimostrerà tutta la necessaria determinazione per segnare i dovuti risultati in tutti questi processi.

“La Strategia dei Balcani Occidentali approvata lo scorso febbraio ripete l’impegno senza alcun equivoco dell’appoggio dell’Unione europea quando si tratta della prospettiva di ammissione dei Balcani Occidentali. Vorrei dire che questo è il migliore momento nelle nostre relazioni e questo è anche il migliore modello del nostro impegno. Noi abbiamo confermato che la porta dell’Unione rimane aperta”- ha sottolineato Danielsson.