Municipio di Tirana, candidatura come Capitale Europea di Cultura per il 2024

 

A Firenze si è svolta la prima Conferenza delle Capitali Europee della Cultura dove durante una sua dichiarazione il sindaco di Firenze Nardella ha detto: “Le città sono il luogo di nascita della cultura europea e le sue capitali hanno la responsabilità di passarsi di volta in volta il testimone della nostra civiltà.”

L’obiettivo è di “capire che la cultura non è un optional, ma un elemento fondamentale che permea di sé tutta la vita sociale” sottolinea Nardella.

Il Municipio di Tirana ha presentato la sua candidatura per diventare Capitale Europea della Cultura nel 2024. A dare conferma è il sindaco Erion Veliaj, il quale era presente in questa prima Conferenza delle Capitali Europee della Cultura a Firenze.

Veliaj ha dichiarato che questa conferenza presenta una splendida opportunità di convincere e persuadere i rappresentanti delle altre capitali sulle potenzialità di Tirana.

“L’Albania ha presentato la candidatura per il 2024, perciò abbiamo sfruttato questa grande opportunità presentata per convincere tutte le capitali europee della cultura nel passato sul nostro potenziale. Grazie al contributo del nostro caro amico Dario Nardella, e al gemellaggio tra Firenze e Tirana, sono convinto che l’Albania abbia buone opportunità e troverà il sostegno delle altre capitali in questa candidatura per il 2024”- ha sotolineato il sindaco di Tirana.

Il sindaco Veliaj si è mostrato convinto che grazie ai preparativi, che sono ormai in atto, avremmo un altra storia di successo.

“Così come tutte le città che presentano la loro candidatura per ospitare i Giochi Olimpici, il campionato Mondiale del Calcio , o altre attività iniziano i preparativi anni prima, anche noi in attesa di un tale evento inizieremmo la fase preparativa 4-5 anni in anticipo. In questo modo avremmo l’infrastruttura e il budget neccessario, oltre all’aiuto che arriva dalla Commissione Europea, per scrivere un altra storia di successo per la nostra Tirana”- ha sottolineato Veliaj.

“La collaborazione tra governo e comune ha dedicato particolare attenzione alla cultura nel nostro paese aumentando il budget a disposizione – ha aggiunto il sindaco Veliaj- perciò possiamo affermare che la cultura oggi non si può considerare solo come arte e teatro ma si deve vedere anche sotto l’ottica del business, turismo, economia. È per questa raggione che sono contento di questa candidatura di Tirana. Oggi la nostra capitale vanta tanti posti ai quali bisogna dare attenzione come il teatro Turbina e il nuovo teatro che stiamo cercando di costruire, Shtëpia e Gjetheve (la Casa dei Fogli), i tanti musei, l’aumento del budget dedicato all’arte e alla cultura. Questa è una splendida oppurtunità che dobbiamo cogliere e la nostra candidatura sono fiducioso che avrà successo”- ha dichiarato Veliaj.