Alcuni tra i principali sviluppi previsti per il 2019  

Albania

Le elezioni amministrative 2019 si terranno il 30 giugno. Il Presidente della Repubblica Ilir Meta, ha decretato questa data dopo aver consultato anche i leader dei tre più grandi gruppi parlamentari: quello socialista, quello democratico, quello  Movimento socialista per Integrazione. Le elezioni passate si sono svolte il 21 giugno 2015. Gli emendamenti del Codice Elettorale, che verranno completati anche dalle raccomandazioni di OSCE/ODHIR, saranno approvate prima delle prossime amministrative, perché esse sono principale richiesta per l’avio dei negoziati con l’UE.

Durante il 2019 l’Albania attende di consolidare il progresso della riforma giudiziaria, in particolar modo, si deve proseguire con il processo di vetting per i giudici e procuratori, e con la lotta alla corruzione e crimine organizzato. Entro il mese di febbraio deve essere completata la creazione delle istituzioni specializzate nella riforma giudiziaria; l’Apposita Procura-(SPAK) e l’Ufficio Nazionale di Indagine(NBI).

Majlinda Bregu (Albania) è stata nominata Segretaria Generale del Consiglio di Cooperazione Regionale(RCC), dove partendo dal 1 gennaio 2019 ha sostituito Goran Svilanović (Serbia) che teneva questo incarico dal 2013.

La decima riunione annuale di RCC si è svolta il 23 aprile 2018, dov’è stato proposto il nome di Majlinda Bregu per gli anni 2019-2021 e quello di Igor Lukšić per il periodo 2022-2024.

Unione Europea

La Romania tiene dall’inizio del 2019 la Presidenza di turno del Consiglio dell’UE, svolgendo un’importante ruolo sul futuro dell’Europa dopo-Brexit e dei rapporti tra Unione Europea e Regno Unito.

La Commissione Europea presenterà ad aprile 2019 il Pacchetto annuale di allargamento, che è un set di documenti che spiega le politiche di allargamento dell’UE, includendo 7 rapporti dei paesi che valutano la situazione di ogni candidato/potenziale candidato, quello che è stato raggiunto durate il 2018, oltre a stabilire la guida per le priorità delle riforme.

L’Agenda di allargamento copre i sei paesi dei balcani e la Turchia.
Il dialogo di adesione ha avuto inizio per i tre paesi candidati, Montenegro(2012), Serbia(2014) e Turchia(2005).
La Macedonia è paese candidato dal 2005 menyre l’Albania ha avuto lo status del paese candidato nel 2014.
Bosnie ed Erzegovina e Kosovo sono candidati potenziali.

Il Sesto Summit dei Balcani Occidentali si terrà in Polonia, a Poznań, a luglio 2019. La polonia festeggia 15 di adesione all’UE e in modo simbolico il summit si organizzerà a Poznań. Tutto si svlge nell’ambito del Processo di Berlino e ha come scopo di aumentare la visibilità della regione durante il periodo delle elezioni europee e durante la creazione della nuova Commissione Europea, mandando un forte segnale alle nuove istituzioni dell’UE. Oltre a questo, la dirigenza di un paese dell’Europa dell’Est viene considerato come un valore aggiunto per i Balcani Occidentali, perché la Polonia ha passato la fase del processo di adesione all’UE considerandosi come un modello di successo.

Fonte Eu Policy Hub

http://www.eupolicyhub.eu/zhvillimet-kryesore-te-parashikuara-per-2019/?fbclid=IwAR093hrQFGkpd4TSLh1nmRZuK7_0D9WbTCmUb2K3Pi7rdv_TjluXofzuNxQ