Stop al Campionato di Calcio

La violenza contro gli arbitri ferma il calcio in Albania. L’Unione degli Arbitri Albanesi di Calcio ha preso la decisione di boicottare le partite. Anche la Federazione Calcio ha appoggiato questa decisione. Tramite un comunicato stampa è stato riferito che la partite di turno non verranno giocate, mentre per la ripresa dell’attività calcistica nessuno ha comunicato qualche data.

L’atto di violenza contro il giudice di gara,  Hamiti, nella partita Kamza-Laci era quello che ha messo in movimento gli arbitri a prendere questa decisione.

La situazione è critica per il fatto che la Polizia di Stato non è stata impegnata a controllare le partite, e di conseguenza la Federcalcio la accusa per non essere presenti a reagire in casi di violenza negli stadi durante le partite.

Dall’altra parte la Polizia di Stato ha reagito contro tali accuse, avvisando che prenderebbero dei provvedimenti contro la Federazione, dove quest’ultima organizza attività sportive senza garantire l’andamento normale di tali attività. La Polizia chiede dalla Federcalcio di tenere atto delle responsabilità legali.

Tra gli stadi (61 in totale) che adempiono le condizioni di sicurezza in Albania c’è solo “Elbasan Arena” e “Loro Borici”.

Intanto, la squadra di Kamza è stata esclusa dal Campionato dalla Commissione di Disciplina, con retrocessione di due categorie. Tutte le squadre che devono giocare con Kamza in questo campionato vincono 3-0 a tavolino.

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter