Avramopoulos, “cooperazione Frontex fonte di orgoglio per l’Albania e per l’Unione europea”

Il Commissario per la Migrazione e le Questioni interne dell’Unione europea, Dimitris Avramopoulos si trova a Tirana, dove ha partecipato alla cerimonia di inizio del lavoro di FRONTEX. 

“Questa è la prima operazione con uno Stato non membro dell’Ue. Facciamo la presentazione dei comuni gruppi delle guardie di frontiera. Essa significa non solo una nuova fase di cooperazione tra l’Ue e i partner dei Balcani, ma anche un ulteriore passo in avanti verso le sfide della sicurezza e della migrazione. Dobbiamo lavorare insieme come vicini e come partner” – ha sottolineato il Commissario Avramopoulos.

Più avanti lui ha detto che “quello che sta accadendo nei Balcani influisce nell’Unione europea e viceversa. Le questioni della sicurezza sono al centro della nostra attenzione per rendere più sicura la migrazione regolare, in modo che coloro che hanno bisogno trovino protezione e appoggio. L’Albania è il primo Paese dove l’Ue va avanti con questo nuovo capitolo”.

Parlando della cooperazione con il nostro Paese, il Commissario Avramopoulos ha aggiunto che “questa cooperazione è fonte di orgoglio sia per l’Albania che per l’Unione europea e, anche un importante passo che ci unisce. La situazione nei Balcani permane stabile, di bassi livelli di flussi migratori, rispetto a tre anni fa.

Detto accordo ci deve aiutare per allargare la coooperazione sia su livello pratico e operazionale e anche con il resto dei Balcani occidentali. Il regime senza visti è un grande successo che porta solo positivi risultati per tutti e dobbiamo mantenerlo.    

I gruppi di FRONTEX faranno i pattugliamenti lungo la frontiera per prevenire passaggi non autorizzati e potenziali crimini. Senza dubbio, l’Albania è responsabile per la tutela delle sue frontiere, nel contesto della propria sovranità. I gruppi di FRONTEX eserciteranno il loro dovere nella presenza delle autorità albanesi. Spero che questo accordo venga concluso anche con altri Paesi dell’Ue. Con l’avvicinarsi delle elezioni europee, il bisogno per una famiglia europea unita conta grande importanza. Dobbiamo avere delle forti relazioni con i vicini sulla base dell’equilibro e del partenariato.

Sono felice di trovarmi qui per due ragioni; vedere da vicino i risultati e secondo ho sempre voluto vedere l’Albania diventare membro della famiglia europea” – ha sottolineato il Commissario per la Migrazione e le Questioni interne dell’Unione europea, Dimitris Avramopoulos.

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter