Parlamento, commissione d’inchiesta tre mesi di indagini

Nella seduta straordinaria del parlamento è stata approvata la comissione parlamentare d’inchiesta per la rimozione dalla carica del presidente della Repubblica, Ilir Meta.

Il presidente della commissione delle leggi, il deputato Ulsi Manja, ha presentato la relazione di detta commissione, chiedendo la rimozione del Presidente Meta. La nuova commissione istituita viene composta da 9 membri, 5 della maggioranza socialista e 4 dell’opposizione.

La mozione dei 55 deputati socialisti per istituire la commissione d’inchiesta si basa sull’articolo 90/2 della Costituzione e sull’articolo 112 dei regolamento del Parlamento e aveva come oggetto il decreto del Presidente sulla cancellazione delle elezioni locali del 30 giugno, atto questo – secondo i deputat i- è in violazione alla Costituzione.  

Il parlamento albanese ha approvato la creazione della commissione d’inchiesta con 101 voti a favore, 6 contrari e 3 astensioni. Questa commissione investigativa ha un mandato di tre mesi. Entro tre mesi, la Commissione dovrebbe discutere le accuse del gruppo socialista e presentare una relazione al Parlamento.

Secondo la costituzione, il parlamento dovrebbe passare il rapporto di questa commissione investigativa con 94 voti. Solo questo atto non è sufficiente per la rimozione del Presidente. L’ultima istanza a decidere è la Corte costituzionale, assente in Albania per più di un anno. Si attende la sua istituzione al più presto possibile.

 

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter