Commissione europea un programma nell’aiuto dell’economia dei Balcani, Governo albanese accordo con IFC

L’International Finance Corporation (IFC) ha siglato un accordo con il Governo albanese che mira a migliorare i servizi per gli investitori e ad armonizzare le politiche di investimento con quelle dell’Unione europea. L’attenzione sarà focalizzata sulla promozione degli investimenti stranieri in settori come la produzione di costruzioni leggere e parti di veicoli, creando più posti di lavoro e sostenendo una crescita sostenibile.

La cooperazione è stata resa possibile dal contributo finanziario della Commissione europea come parte di un programma di 2,5 milioni di euro per aiutare le economie dei Balcani occidentali nel processo di adesione all’UE e per sostenere lo sviluppo economico nell’Europa sud-orientale.

Le riforme aiuteranno l’Albania ad attrarre aziende straniere, rendendo più facile per loro creare nuove imprese ed espandere le attività esistenti

“Il numero di investitori disposti ad entrare nel mercato albanese sta crescendo”, ha detto Anila Denaj, Ministra delle Finanze e dell’Economia. “L’Albania e tutti i paesi dei Balcani occidentali sono impegnati a raggiungere una maggiore competitività e hanno leggi che creeranno un migliore sostegno per gli investitori stranieri e lo sviluppo del business”, ha aggiunto lei.

“Il collegamento delle economie regionali ai mercati globali attraverso il commercio, i trasporti e gli investimenti contribuiranno a stimolare la crescita economica e la creazione di posti di lavoro”- ha dichiarato Thomas Lubeck, Direttore Regionale IFC per l’Europa centrale e sud-orientale.

Invece Stephen Stork, responsabile delle operazioni Sezione presso la delegazione UE in Albania, ha detto: “Liberare il potenziale del settore privato è fondamentale per sostenere lo sviluppo in Albania. A questo scopo, l’Albania adotterà misure per promuovere gli investimenti e impegnarsi nello sviluppo della Zona Economica Regionale (REA), poiché è impegnata congiuntamente con l’UE nella Commissione per il Dialogo delle politiche sui programmi di riforma economica”.

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter