Albania, Paese che vanta esemplare armonia religiosa

 Festa del sacrificio, auguri ai fedeli musulmani
Oggi i fedeli musulmani in Albania e in tutto il mondo commemorano la festa del Sacrificio.
Essa ha luogo il decimo giorno dell’ultimo mese del calendario lunare musulmano.
La festa del sacrificio è ormai diventata una tradizione. Si dice che il profeta Abrahamo fece un sogno in cui Dio gli chiedeva di sacrificare il proprio figlio. Con grande devozione Abrahamo voleva eseguire quest’ordine divino, ma fù lo stesso Dio a proibirlo, spiegandogli che voleva soltanto mettere in prova la sua fedeltà verso di Lui.
Dio ha detto: -Da me non sale né il sangue e neppure la carne del vostro sacrificio, da me sale la devozione delle vostre opere.
E così, da quel giorno i musulmani in tutto il mondo, ricordano questo grande atto di Abrahamo facendo un sacrificio in nome di Dio.
A Tirana e non solo, in questo giorno si respira l’aria di festa, la piazza centrale è affollatissima. Dopo la preghiera colletiva si scambiano gli auguri.
 
La popolazione albanese di religione islamica, cosi come in tutto il mondo, celebra infatti, la festività dell’ AID – al Adha.  
In questo giorno, le abitazioni delle famiglie musulmane sono aperte alle visite di amici e parenti, in modo tale da poter così celebrare all’interno delle proprie mura domestiche questa festività.  

La festa dell’AID è strettamente connessa ad uno dei cinque pilastri dell’Islam. Si tratta di una festa musulmana che viene celebrata due volte all’anno; la prima dopo un mese di digiuno e la seconda la celebrazione del sacrificio. Queste due feste sono distanti l’una dall’altra circa due mesi e mezzo.
La caratteristica peculiare di questo giorno festivo, chiamato anche festa del Sacrificio, è il sacrificio di animale dal greggio in ogni nucleo familiare (la scelta dell’animale varia a seconda delle possibilità economiche della famiglia). La carne dell’sacrificio in nome di Dio verrà poi divisa in tre parti e, destinata una parte alla famiglia, una parte ai vicini e una parte ai più poveri della comunità.
In questi giorni di festa, l’attività a cui ci si dedica maggiormente sono le visite nelle case per condividere insieme a diverse famiglie questa festività. In ogni abitazione l’accoglienza è calda e gioiosa, a tratti quasi imbarazzanti per una persona proveniente da un mondo nel quale certi legami sono svaniti nel tempo.
Per chi non è abituato si crea una sensazione mista tra imbarazzo e sorpresa, questa dovuta al fatto che ti accolgono nella propria casa sorridenti e felici, anche se ci fosse uno sconosciuto.
Durante questo giorno i mussulmani ricevono auguri anche dai loro amici cristiani, ortodossi e cattolici, essendo che l’Albania è uno dei rari Paesi che vanta un’esemplare armonia religiosa.

 

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter