Coronavirus, 600 detenuti ai domiciliari per 3 mesi

 

Il ministro della giustizia Etlida Gjonaj ha annunciato che circa 600 detenuti a basso rischio saranno costretti ai domiciliari per 3 mesi per proteggerli dal coronavirus.

“Il governo ha intrapreso un passo molto importante adottando l’atto normativo sulla liberazione temporanea di detenuti a basso rischio. Tutti coloro che sono stati condannati con il verdetto finale di tre anni di reclusione e tutti quelli con meno di 5 anni di reclusione e che hanno più di 60 anni saranno messi in quarantena per 3 mesi nelle loro case. Ne beneficiano solo se non sono condannati per reati gravi. Inoltre, questi detenuti dovrebbero anche avere un buon comportamento in carcere. Tutti i detenuti che beneficiano di questo atto devono essere soggetti alle rigide regole per rimanere nella propria abitazione durante la quarantena”, ha affermato il Ministro della Giustizia.

 

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter