Riapertura delle scuola. Ministra istruzione Shahini: Insegnamento  misto con presenza a scuola e lezioni su RTSH SHkolle

Mentre l’Europa e il mondo intero si preparano ad affrontare un possibile peggioramento della situazione pandemica durante la stagione autunnale e invernale, la questione delle scuole riceve l’attenzione principale. In linea di principio, la maggior parte degli stati sostiene l’idea di aprire istituzioni educative, anche se con nuove regole. Riduzione del numero di studenti, allontanamento sociale, ma anche indossare maschere sono in discussione come soluzione al problema.

La ministra dell’istruzione Besa Shahini ha reso noto che l’anno scolastico inizierà il 14 settembre, dove i ragazzi si siederanno nelle banche di scuola e non seguiranno più le lezioni online. Comunque la pandemia covid-19 influenzerà sull’modo di insegnamento. Attualmente si sta lavorando per ideare un piano d’azione misto, dove si combinerà l’insegnamento online con quello presente a scuola.

“Le lezioni inizieranno a settembre. Si tornerà a scuola però si continuerà anche con le lezioni nel canale dedicato alla scuola “RTSH SHKOLLE”. In questo periodo stiamo facendo delle riprese per la RTSH che serviranno alle lezioni da casa. Si pensa sarà un anno scolastico misto. Per i dettagli invece ci servirà del tempo per capire che piega prenderà la pandemia”– ha dichiarato la ministra di Istruzione Shahini.  

Per il premier Boris Johnson il ritorno degli studenti in banca dopo diversi mesi di assenza è una priorità nazionale e in ogni altro possibile isolamento saranno gli ultimi ad essere chiusi. Il governo garantisce che le scuole saranno sicure, mentre il ministro dell’Istruzione Gavin Williamson ha affermato che ci sono poche prove che il coronavirus venga trasmesso alle istituzioni educative. Ha fatto riferimento a uno studio che dovrebbe essere pubblicato più avanti nel corso dell’anno, il più grande condotto finora sul coronavirus nelle scuole, che ha detto che chiarirebbe che il rischio di trasmissione lì è basso.

In Germania, dove gli studenti sono tornati in banca da questo lunedì, è necessario mantenere una distanza di 1,5 metri e tenere la maschera nei corridoi. Tuttavia, gli esperti consigliano di prendere tale misura durante la lezione.

Negli Stati Uniti, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump chiede l’apertura di tutte le scuole, ma molti Stati dicono di non essere pronti a farlo entro la fine di agosto. Anche il premier Conte in Italia ha detto che non c’è dubbio che le scuole riapriranno.

Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha avvertito la scorsa settimana di una catastrofe generazionale nell’istruzione, a causa della chiusura delle scuole. Ha esortato i paesi a fare dell’apertura delle istituzioni educative una priorità. 

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter