Radio Tirana Internacional Live
Radio Tirana Internacional

Profilo

Migjeni, cantore dei poveri

  • 10/15/2021 10:31 AM
Migjeni, cantore dei poveri

Migjeni - Verso Libero
...nel profondo del mio cuore dormono canti non cantati
che né pena né gioia hanno ancora sprigionato,
che dormono e attendono giorni più fortunati
per erompere ed effondersi liberi da paure...

 

Millosh Gjergj Nikolla, in arte Migjeni, nacque a Scutari, il 13 ottobre 1911 e morì a Torre Pellice, il 26 agosto 1938.

Frequentò la scuola elementare a Scutari e dal 1923 al 1925 la scuola secondaria ad Antivari in Montenegro. Nell' autunno del 1925 a 14 anni, vinse una borsa di studio per frequentare una scuola secondaria a Bitola (Macedonia del Nord). Lì studiò slavo, russo, greco, latino e francese. Laureatosi nel 1927 entrò nel seminario Ortodosso di St. John il Teologo a Bitola dove, nonostante i problemi di salute, continuò il suo addestramen e gli studi fino a giugno 1932.

Il 23 aprile 1933 fu assunto come maestro di albanese nella scuola del villaggio Vraka, a sette chilometri da Scutari. Fu durante questo periodo che cominciò a scrivere in prosa e poesia.

Nel maggio 1934 scrisse il suo primo racconto, “Sokrat i vuejtun apo derr i kënaqun” (Sokrate patito oppure maiale soddisfatto), che fu pubblicato sul periodico Illyria, firmandosi con lo pseudonimo di Migjeni, un acronimo di Millosh Gjergj Nikolla.

Nell'estate 1935 il ventitreenne Migjeni si ammalò di tubercolosi. Viaggiò fino a Atene nel luglio di quell'anno nella speranza di guarire dalla malattia ma ritornò a Scutari un mese dopo senza nessun miglioramento delle sue condizioni di salute. Nell' autunno del 1935 si trasferì per un anno a una scuola a Scutari e, sempre sul periodico Illyria, iniziò a pubblicare le sue prime poesie che fecero epoca.

Nel 1936 andò a vivere nel villaggio di montagna di Puka dove rimase per 18 mesi. Le sue condizioni di salute migliorarono, ma lui fu molto colpito dalla povertà della gente che viveva a Puka e dei dintorni. Passati questi mesi nell’aria di montagna, Migjeni fu obbligato a porre fine alla sua carriera di maestro e di scrittore e, sempre nella speranza di guarire, andò a Torino dove sua sorella Ollga stava studiando matematica.

Partì da Scutari il 20 dicembre 1937e arrivò a Torino prima del giorno di Natale. Qui aveva sperato, dopo la guarigione, di iscriversi e a studiare alla Facoltà d'Arte. Dopo cinque mesi di ricovero al sanatorio di San Luigi presso Torino, Migjeni fu trasferito all'ospedale veldese a Torre Pellice dove morì il 26 agosto 1938.

Migjeni è un illustre poeta e prosatore degli anni’30. Lui viene considerato uno tra i più importanti scrittori del secolo scorso. Per l’opoca in cui visse era un innovatore sia per il contenuto, la forma delle sue opere, che per l’influenza che ebbe nella letteratura albanese del tempo.

Migjeni viene considerato come un autore che dal romanticismo rivoluzionario passò al realismo critico. Nelle sue opere lui riflesse la profonda povertà degli anni in cui visse quali "Bukuria që vret" (La bellezza che uccide), "Mollë e ndalueme" (Mela proibita), "Legjenda e misrit" (La leggenda del mais), "A don qymyr zotni?" (Volete carbone signore?), “Luli i vocerr” (Il piccolo Luli).

Il piccolo Luli ne è forse l'emblema dei personaggi di Migjeni. Nel centro dell'attività letteraria di Migjeni si trova l'ispirazione di un nuovo mondo, dove la gente semplice possa vivere libera e felice, senza temere l'indomani e soprattutto senza perdere la dignità.

La sua morte avvenuta all'età di soli 26 anni fu una tragica perdita per la letteratura albanese moderna. A Migjeni è intitolato il teatro di Scutari e molte scuole.

Migjeni, la potente voce dei poveri, i suoi scritti suonano attuali oggi più che mai. Una delle icone del cinema e del teatro albanese, Tinka Kurti valuta Migjeni come uno scrittore irripetibile. "Io vivo con lui ogni instante, ovunque mi trovi, ed è grazie alla sua ispirazione che sono riuscita a fare questa strada"- aggiunge lei in un incontro commemorativo dedicato al grande Migjeni.

 

 

 

Related News